ESTATE 2018   INFERNOT Belvedere è aperto tutti le domeniche dalle 15,30 alle 18,00


SKYLINE di Vignale Monferrato
SKYLINE di Vignale Monferrato

1 edizione del VIGNALE MONFERRATO TRAIL- 8 aprile 2018

Di corsa nell'Infinita bellezza del patrimonio mondiale Unesco - con Comune di Vignale Monferrato - Stella Bianca Laura Garavelli e Club Unesco Vignale Monferrato. Tre percorsi: 48 km, 20 km, 10 km in uno scenario che vi farà innamorare del Monferrato. Strade, stradine e sentieri sconosciuti ai più lungo i quali si potranno cimentare gli amanti della corsa e delle camminate...



CALENDARIO FICLU 2018

Scarica il CALENDARIO FICLU 2018

L’eredità culturale è un insieme di risorse ereditate dal passato che le popolazioni identificano, indipendentemente da chi ne detenga la proprietà, come riflesso ed espressione dei loro valori, credenze, conoscenze e tradizioni, in continua evoluzione. Essa comprende tutti gli aspetti dell’ambiente che sono il risultato dell’interazione nel corso del tempo tra le popolazioni e i luoghi.”

Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sul valore dell’eredità culturale per la società, Art.2

Consiglio d’Europa, Faro, 27 Ottobre 2005

“La degradazione o la sparizione di un bene del patrimonio culturale e naturale è un impoverimento nefasto del patrimonio di tutti i popoli del mondo.”

Convenzione UNESCO per la Protezione del Patrimonio culturale e naturale dell’Umanità,

Preambolo, Parigi, 16 Novembre 1972

“È urgente creare una maggiore consapevolezza, soprattutto fra le generazioni più giovani, riguardo alla rilevanza del patrimonio culturale immateriale e alla sua salvaguardia…”

Convenzione UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio culturale immateriale,

Preambolo, Parigi, 17 Ottobre 2003

“Questo patrimonio culturale immateriale, trasmesso di generazione in generazione, è costantemente ricreato dalle comunità e dai gruppi in risposta al loro ambiente, alla loro interazione con la natura e alla loro storia e dà loro un senso d’identità e continuità, promuovendo in tal modo il rispetto per la diversità culturale e la creatività umana.”

Convenzione per la Salvaguardia del Patrimonio culturale immateriale, Art. 2, comma 1

Parigi, 17 Ottobre 2003

 

Nel corso del 2017, anno in cui si sono celebrati i 70 anni dei Club per l’UNESCO, la Federazione Italiana dei Club e Centri per l’UNESCO (FICLU) ha avviato un’importante collaborazione con il Consiglio d’Europa – Ufficio di Venezia per promuovere l’organizzazione, da parte dei Club e Centri per l’UNESCO, di Passeggiate Patrimoniali in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, tenutesi il 23-24 settembre 2017. I Club e Centri hanno risposto all’invito con grande entusiasmo, organizzando ben 25 Passeggiate in tutta Italia.

A riconferma dell’impegno della FICLU nella salvaguardia del nostro ricco Patrimonio nazionale, materiale ed immateriale, e del sostegno alla Campagna #Unite4Heritage, in occasione del 2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale, abbiamo deciso di dedicare il calendario FICLU 2018 all’opera che i Club e Centri per l’UNESCO portano avanti quotidianamente, su tutto il territorio italiano, chiedendo loro di inviarci una fotografia di un’iniziativa esemplificativa della loro opera di valorizzazione del Patrimonio.

Ciascuna delle 80 fotografie selezionate tra quante inviateci dai Club e Centri della nostra Federazione rappresenta al meglio la bellezza del nostro Patrimonio comune e la passione dei volontari che mettono a disposizione le proprie competenze e professionalità per trasmettere, in particolare ai giovani, i valori fondamentali di condivisione e rispetto per la diversità culturale.

 

BUON 2018 A TUTTI!

 

Prof.ssa Maria Paola Azzario

Presidente Federazione Italiana dei Club e Centri per l’UNESCO

 




 

 

 

 

 

Mostra "Filari di luce " al MAO di Torino

 

14-15 ottobre 2017

 

Download
Catalogo della Mostra vendemmiatorino
CATALOGO-art+wine.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.4 MB

Mostra "Filari di Luce" Palazzo Callori        22 luglio-30 settembre

IL Mare in Monferrato                        domenica 4 giugno 2017 Vignale

Per molti le antichissime origini del nostro bel Monferrato, sono cosa quasi sconosciuta, e per questo motivo il Club per l’UNESCO di Vignale organizza per domenica 4 giugno alle ore 16 nell'atrio del Palazzo  Callori, un incontro con alcuni esperti del settore , il dr. Paolo Sassone(Geologo), la prof.ssa Donata Violanti (Ordinario di Micropaleontologia dell'Università di Torino) e il dr Alfredo Frixa (Geologo).
Per comprendere la storia geologica delle colline riconosciute dall’UNESCO, è necessario fare un grande balzo all'indietro nel tempo e pensare che tanti milioni di anni fa, prima della comparsa dell'uomo sulla Terra, il mare ricopriva la Pianura Padana e le colline non erano emerse.
Così sono trascorsi i millenni che si perdono nella notte dei tempi, prima che, con un grandioso movimento della crosta terrestre, i calcari e le marne, deposito di una rigogliosa vita marina, cominciassero ad innalzarsi.
Il corrugamento di questo terreno primitivo originario è avvenuto, secondo i geologi, nell'era Terziaria o Cenozoica, epoca questa che comprende un periodo di evoluzione che va dai sessanta milioni di anni fa, all'inizio del Quaternario.
Se osserviamo i paesi di San Giorgio, Ozzano, Treville, Moleto, Vignale, Cellamonte, Rosignano  notiamo che essi si appoggiano sulle arenarie, mentre i fondo valle appartengono ad un periodo più recente, tipico per le sue marne grigio bluastre.
Questi terreni contengono ricche ed abbondanti testimonianze del loro passato, conservando fossili di Coralli, di Echinodermi , di Ostriche e Molluschi.
Un altro aspetto peculiare dell’evoluzione di queste terre è la presenza di fonti salmastre e solforose distribuite tra i vari territori , fonti un tempo utilizzate ed oggi spesso dimenticate. Questo e altro ancora sarà argomento del pomeriggio di domenica prossima.In contemporanea avremo anche l'apertura dell'inferno Belvedere.



APERTURA INFERNOT BELVEDERE 2017 visite guidate                                            TUTTE LE DOMENICHE h.15.30 - 18.30 prenotazione per gruppi info@monferratodegliinfernot.it



Abbiamo partecipato insieme a LIBERA e al COMUNE di CASALE MONFERRATO ad una bella iniziativa di sostenibilità rivolta alle scuole  in occasione della commemorazione delle vittime dell'amianto.

Club Unesco Vignale ha partecipato con 2 seminari:

Laura Erbetta ha presentato "DECARBONIZZIAMOCI!"

Alberto Maffiotti ha presentato "Che clima che fa"

 

"L’associazione Libera, nomi e numeri contro le mafie, in collaborazione con Legambiente, AFeVA e con la collaborazione del Comune di Casale Monferrato, vorrebbe proporre in data 29 aprile 2017 un evento per sensibilizzare i ragazzi delle Scuole Secondarie di Secondo Grado, all’ecosostenibilità e ad una “vita a impatto zero”.

Perché Vita a impatto (ambientale) zero? Perché il nostro pianeta sta diventando sempre più caldo e ciò può avere drammatiche conseguenze se non si interviene per tempo. Lo devono fare gli Stati, ma anche ognuno di noi, e ogni comunità, deve fare la sua parte per arrestare questa pericolosissima deriva.

Anche la nostra città, colpita negli anni passati da un immane disastro ambientale (l’Eternit, che ha disperso per decenni polvere d’amianto nel nostro ambiente, causando migliaia di vittime tra operai e cittadini) può risollevarsi solamente adottando stili di vita orientati alla ecosostenibilità"

 

Download
ENERGIE_PULITE_casale_29aprile17.pdf
Documento Adobe Acrobat 4.4 MB

MONFERRATO DEGLI INFERNOT

Infernot Lasagna-Vignale Monferrato
Infernot Lasagna-Vignale Monferrato

50° Sito Italiano UNESCO     Patrimonio Mondiale dell'Umanità


IN EVIDENZA

Golosaria a Vignale Monferrato 1^ e 2 aprile vi aspettiamo per visitare l'Infernot !


Mostra a palazzo calori  settembre 2016



I Pipistrelli dell'INFERNOT di Palazzo Callori

Un progetto di conservazione della BIODIVERSITA' nel Monferrato Affidato dal Comune di VIGNALE

 

al CLUB per l'UNESCO

In Italia risultano attualmente segnalate 34 specie di chirotteri (pipistrelli), delle quali 28 certamente presenti anche in Piemonte. Molte di esse versano in precario stato di conservazione per una somma di cause: abuso di pesticidi in agricoltura (hanno alimentazione insettivora); distruzione/alterazione delle componenti ambientali che producono le loro prede (soprattutto boschi e zone umide) e che ne facilitano gli spostamenti (siepi e filari arborei); introduzione nell’ambiente di elementi che, all’opposto, costituiscono barriere fisiche (parchi eolici); alterazione dei siti di rifugio.

Questi ultimi – cioè i luoghi che i pipistrelli usano per andare in letargo, trascorrere le fasi di riposo e riprodursi – in natura sono rappresentati da grotte, cavità arboree, fessure di pareti rocciose e anfratti all’interno delle pietraie. In alternativa, i pipistrelli possono utilizzare rifugi artificiali che ne imitino le caratteristiche, fra i quali le costruzioni dell’uomo. 
Interstizi con caratteristiche simili a quelle delle fessure rocciose e delle cavità arboree si trovano in abbondanza negli edifici, comprese le comuni abitazioni: cassonetti delle tapparelle, intercapedini sotto gli elementi di copertura del tetto o di rivestimento delle facciate, nicchie dietro le grondaie e fra i muri e la canne fumarie.  
Molto più rari invece, negli edifici, i rifugi analoghi agli ambienti di grotta, cioè caratterizzati da volumi cospicui e bui, tranquilli, con soffitti adatti all’appiglio (in legno, pietra o mattone, non intonacati o con intonaco ruvido) e microclima idoneo. Tali condizioni si realizzano per lo più nei sottotetti e negli scantinati degli edifici monumentali, come castelli, palazzi e chiese.
Le specie che frequentano i rifugi di grande volume dimostrano nei loro confronti un’estrema fedeltà, tornando a utilizzarli regolarmente, nello stesso periodo, ogni anno. I motivi di tale fedeltà sono facilmente comprensibili: le grotte sono una risorsa rara e ritornare in una grotta che già si è dimostrata adatta allo svolgimento di una funzione biologicamente critica – come partorire e allevare la prole oppure andare in letargo – rappresenta una garanzia, un comportamento che è stato premiato nell’evoluzione e che è rimasto passando dalle grotte agli ambienti artificiali simili. Ne consegue che la distruzione o l’alterazione di un sito di rifugio di grande volume può avere esiti estremamente negativi per i chirotteri. 
Anche i rifugi di piccolo volume possono essere riutilizzati dagli stessi esemplari anno dopo anno, ma la loro perdita è in genere meno grave perché la loro disponibilità è maggiore e per il fatto che le specie che li frequentano tendono a cambiare frequentemente rifugio. Tale comportamento si è presumibilmente evoluto per affrontare le “limitazioni” dei rifugi arborei: durata limitata, esposizione al rischio di predazione, competizione con altri animali per il loro utilizzo, ecc.  
I chirotteri che si insediano nei grandi volumi appartengono spesso a specie rare e minacciate, mentre le specie associate ai piccoli volumi si trovano prevalentemente in migliore stato di conservazione. 

Gli edifici monumentali possono dunque essere particolarmente importanti per la conservazione dei chirotteri e Palazzo Callori è uno di questi: ospita una delle sole tre colonie riproduttive di rinolofo maggiore attualmente conosciute in Piemonte!

15 giugno 2016


 

il 23 aprile si celebra la Giornata Mondiale UNESCO del Libro e del Diritto d’Autore, istituita nel 1995 per promuovere il piacere della lettura, in particolare nei giovani, e il giusto riconoscimento dell’insostituibile apporto di tutti gli autori che, con le loro opere, hanno favorito il progresso sociale e culturale dell’umanità.
I libri sono portatori di valori e conoscenza, depositari del Patrimonio immateriale, sono finestre sulla diversità delle culture e strumenti di dialogo. Inoltre, i libri sono sorgenti di ricchezza materiale e opere artistiche protette dal diritto d’autore.
Quest’anno si ricorda il 400esimo anniversario della morte di William Shakespeare e di Miguel de Cervantes e, come sottolineato dalla Direttrice Generale Irina Bokova, "i libri sono una forza per contrastare quello che Shakespeare definiva 'la maledizione comune dell’umanità: la follia e l’ignoranza’ ”.
 Numerose e pregevoli iniziative saranno organizzate dai Club e Centri in tutta Italia, che diffonderanno senz’altro questi comuni valori sul territorio. Come ulteriore spunto di riflessione si segnala la pagina del sito Internet dell’UNESCO dedicata http://www.unesco.org/new/en/wbcd/ .
Il Club x l'Unesco di Vignale partecipa all'iniziativa.


I pipistrelli  del genere Rinolofo (Rhinolophus ferrumequinum) protetti nell'Infernot Callori
I pipistrelli del genere Rinolofo (Rhinolophus ferrumequinum) protetti nell'Infernot Callori

PIPISTRELLI A PALAZZO CALLORI

28 febbraio 2016 in occasione di

Genius loci in Monferrato

 

I Chirotteri, Mammiferi alati comunemente noti come Pipistrelli, sono animali estremamente specializzati, per la capacità di volare muovendosi nella più completa oscurità, grazie ad un sistema di ecolocalizione ad ultrasuoni, e di sopravvivere in uno stato di letargo nei mesi invernali quando la temperatura è rigida e scarseggiano le prede.

 

I pipistrelli hanno due necessità primarie: la prima è la disponibilità di rifugi (roost) adeguati per il riposo diurno, la riproduzione e l’ibernazione invernale;

la seconda e la presenza di aree di foraggiamento abbondanti di insetti di cui si nutrono.

Entrambe queste necessità hanno reso i Pipistrelli tra i gruppi animali più minacciati dagli errori dell’uomo.

 

In primo luogo, essi sono estremamente sensibili ai cambiamenti sia climatici che ambientali e quindi, in conseguenza delle profonde modificazioni antropiche (e.g., agricoltura intensiva, ristrutturazione di edifici abbandonati, frammentazione degli habitat, alterazione o chiusura di grotte naturali, di cave di miniere abbandonate, riduzione delle aree forestali, bonifica delle zone umide, riduzione delle ‘formazioni lineari’ di vegetazione, siepi lungo corsi d’acqua e campi coltivati, ecc.) e naturali (e.g., variazioni climatiche e della copertura-distribuzione vegetale) dell’ambiente, hanno subito un forte declino in numerosità in ogni parte del mondo.

 

 

Inoltre, la mancanza di cultura e le conseguenti false credenze li hanno dipinti per secoli come demoniaci vampiri, legati all’oscurità e al maligno, generando nella gente diffidenza e rifiuto, fino ad arrivare ad attività volontarie atte a perseguitarli e allontanarli dai loro rifugi, con gravi danni per gli ecosistemi in cui vivevano.

 

Oggi in Italia i Pipistrelli costituiscono quasi un terzo delle specie di Mammiferi della nostra fauna, ma sono anche l’ordine rappresentato dal maggior numero di specie minacciate di riduzione drastica sia in varietà che in numero di esemplari per specie. 

 

I Pipistrelli sono un gruppo di Mammiferi molto evoluti, gli unici in grado di volare, grazie ad una mano che l’evoluzione ha modellato a formare un’ala perfetta. Proprio per questo motivo essi vengono chiamati, con il loro nome scientifico di Chirotteri, una parola derivata dal greco che significa “mano alata”.

 

Un’altra caratteristica unica dei pipistrelli è quella di predatori notturni: essi sanno cacciare mentre si spostano in volo durante la notte, grazie ad un sofisticatissimo sistema di ultrasuoni. Nel buio essi si orientano usando la percezione dell’eco dei suoni molto acuti (ultrasuoni) che essi stessi emettono: le onde sonore urtano contro gli ostacoli o le prede posti sulla loro traiettoria e ritornano sotto forma di eco, l’eco viene catturato dai loro grandi padiglioni auricolari e elaborato dal cervello, che è in grado di ricostruire una minuziosa immagine tridimensionale dell’ambiente.

 

Quindi, niente paura! Quella che i pipistrelli vadano a sbattere contro cose o persone o addirittura possano ingarbugliarsi nei capelli, è solo una vecchia leggenda, che non ha mai trovato alcun riscontro scientifico: i pipistrelli sono macchine volanti estremamente sofisticate ed efficienti, con una probabilità d’errore pari quasi allo zero.

 

Questi animali sono, inoltre, estremamente socievoli tra loro anche tra individui appartenenti a specie differenti. Essi dormono a migliaia nello stesso ambiente (grotta o altro luogo adatto), per scaldarsi e proteggersi a vicenda, e collaborano nella ricerca del cibo di notte grazie ad un complesso sistema di comunicazione ancora in gran parte sconosciuto.

Allevano i piccoli aggrappati all’addome materno, da dove essi possono succhiare direttamente il latte dalle mammelle e le femmine tornano sempre a riprodursi nel luogo dove esse stesse sono nate.

 

A causa della progressiva riduzione dei loro rifugi naturali (grotte, fenditure delle pareti rocciose e cavità arboree) non è rara la presenza di Pipistrelli nelle costruzioni dell’uomo (edifici, ponti, viadotti, tunnel, pali della luce, antichi acquedotti, necropoli, ecc.).

 

I rifugi artificiali analoghi agli ambienti di grotta, caratterizzati da volumi cospicui, non disturbati, con soffitti adatti all’appiglio (di legno, pietra o mattone, non intonacati o con intonaco ruvido), bui, con temperatura e tasso di umidità idonei e assenza di correnti d’aria sono però estremamente rari.

 

Le specie che frequentano questo tipo di rifugi dimostrano spesso, nei loro confronti, un’estrema fedeltà, tornando a utilizzarli regolarmente, nello stesso periodo, ogni anno. Per tale ragione la distruzione/alterazione di un sito di rifugio può avere esiti estremamente negativi: per anni i pipistrelli (che sono longevi, per alcune specie è dimostrato il superamento dei 40 anni di vita) possono cercare ostinatamente di ritornare al sito scomparso o reso inutilizzabile e non trovare un valido sito di rifugio alternativo, andando incontro a decremento demografico e, nell’ipotesi peggiore, all’estinzione locale.

 

Finalmente riconosciuto il valore dei Pipistrelli per l’insostituibile ruolo di principali predatori notturni degli insetti, capaci di evitare l’aumento incontrollato delle popolazioni di alcuni di essi e l’importanza strategica per la conservazione della biodiversità, oggi numerose leggi nazionali ed europee prevedono la salvaguardia di tutte le specie di Pipistrelli e puniscono ogni atto volto a minacciarne la sopravvivenza.

 

Dal 2015 all’interno dell’Infernot di Palazzo Callori è stata identificata una colonia riproduttiva di Rinolofo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum) che utilizza  le cavità interne i corridoi ed i soffitti in mattone posti sotto la come rifugio e nursery.

Dopo un primo studio del comportamento all’interno del sito, che nel frattempo veniva aperto alle visite al pubblico nell’ambito delle iniziative di  riutilizzo del Palazzo e dei suoi giardini, sono state adottate le prime misure atte a limitare il disturbo alla colonia nel periodo del ciclo vitale di maggior vulnerabilità ovvero l’allevamento dei piccoli.


Infernot Cantina Buzio-Vignale Monferrato
Infernot Cantina Buzio-Vignale Monferrato